Non è sempre soleggiato in Sardegna! Anche in Costa Smeralda, nel nord-est della Sardegna può capitare una giornata di pioggia che non consente di godersi il sole e stare in spiaggia. Cosa fare allora quando piove?

In questo post troverai i miei consigli su alcune attività alternative quando c’è brutto tempo in Costa Smeralda. Devi sapere, inoltre, che nel nord Sardegna capita spesso anche in estate qualche giornata di forte vento maestrale. In questi casi l’afa viene spazzata via e il vento può soffiare talmente forte da non consentire di stare in spiaggia.

Se in Costa Smeralda piove puoi:

1- Fare un salto a Porto Cervo

Fare shopping è una delle prime idee per chi si trova in Costa Smeralda. Tieni conto che difficilmente la pioggia sarà intensa e durerà ore pertanto riuscirai a muoverti con facilità. Il centro di Porto Cervo è ricco di boutique e gioiellerie nei quali concedersi qualche sfizio e spesa pazza durante la vacanze. In piazzetta l’aperitivo è un rito; può capitare di imbattersi in qualche VIP in vacanza in costa. Non mancate di fare una passeggiata sul lungomare e verso la Promenade du Port recentemente arricchita di coloratissimi murales. Qui potete visitare anche delle interessanti gallerie d’art.

2 – Visitare la Chiesa di Stella Maris

La Chiesa di Porto Cervo intitolata a Maria Stella Maris è un gioiello dell’architettura della Costa Smeralda. Fu uno dei primi edifici costruiti nei primi anni ’60 durante la nascita della nuova destinazione turistica e e fu progettata dall’architetto Michele Busiri Vici. La chiesa, che si affaccia sul Porto Cervo Marina, è caratterizzata dall’assenza di linee rette ma dal susseguirsi di linee mordbide e dal colore bianco di molte costruzioni del mediterraneo.

Nella Chiesa è custodito un piccolo capolavoro artistico. Si Tratta della “Mater dolorosa” realizzata da Dominikos Theotokópoulos noto con il nome di El Greco,. L’opera fu donata come ex voto dalla baronessa Bentinck. Ulteriori informazioni su chiesastellamaris.it

3 – Visitare i siti archeologici di Arzachena

Quella di Arzachena è una delle zone archeologiche più ricche di siti antichi del Nord Sardegna. Un nuraghe in cui entrare, tombe dei giganti e una necropoli: diversi siti archeologici risalenti all’età nuragica la cui visita consente di scoprire l’antico passato della nostra isola. Se non piove troppe si possono visitare in tranquillità.

Muoversi dalla costa verso l’entroterra è uno dei consigli che do spesso ai turisti che non vogliono stare tutti i giorni in spiaggia ma che amano scoprire la storia e la cultura della Sardegna.

4 – Visitare Porto Rotondo

Anche se Porto Rotondo non è proprio Costa Smeralda è un borgo vacanziero che merita di essere visitato. Come Porto Cervo anche Porto Rotondo è stato costruito con gusto, come un piccolo borgo immerso nella vegetazione tipica della Sardegna.

Passeggiando lungo le strade del centro di Porto Rotondo ci si imbatte sui pesci realizzati dall’artista Emmanuel Chapalain. Di arte è pieno tutto il centro. Da non perdere la chiesa di San Lorenzo con la volta decorata dalle sculture in legno di Mario Cerioli e il teatro realizzato dallo stesso artista ispirato agli antichi teatri greci.

5 – Fare una passeggiata verso il Faro di Capo Ferro

A Porto Cervo c’è uno dei fari più belli della Sardegna. Precisamente a Capo Ferro, vicino Porto Cervo Marina un promontorio nasconde dietro aguzze scogliere un fanale rosso di aiuto ai naviganti. Da ammirare all’allba o a fine giornata non dev’essere male anche quando piove e il mare è agitato. Un’idea per una breve passeggiata all’aria aperta ammirando il mare.

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l'attività di blogger con "Un sardo a Parigi" e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell'Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola, il suo paesaggio, la sua storia e le sue tradizioni. Oltre alle diverse esperienze da vivere, in tutte le stagioni.

Leave a Comment