fbpx

Il racconto dell’escursione in mountain bike elettrica lungo la strada sterrata dell’ex ferrovia Monti – Calangianus

In Gallura le escursioni in mountain bike sono una delle modalità con cui è possibile scoprire l’entroterra. Oggi vi racconto la mia esperienza a bordo di una e-bike, ovvero una mountain bike elettrica, alle pendici del Monte Limbara, lungo la strada sterrata dell’ex ferrovia Monti – Calangianus.

selfie in bici

Sebbene qualcuno critichi la bici elettrica perché evita di fare meno fatica dopo questa escursione ho avuto la possibilità di sperimentare come permetta a tutti di pedalare e scoprire il territorio.

In Gallura ci sono numerose strade di campagne e sentieri ideali per la mountain bike. Per questo non poteva mancare su blog il racconto di una di queste esperienze.

La ferrovia Monti- Calangianus fu inaugurata nel 1888 e collegava la cittadina di Monti con quella di Tempio Pausania. Si incrociava alla stazione di Luras con la linea Tempio – Palau ancora oggi attiva in estate con il treno turistico, il noto trenino verde.

Fu la prima linea pubblica a scartamento ridotto che fu attiva in Sardegna insieme alla linea Cagliari-Isili . La ferrovia rimase attiva per circa 70 anni con il funzionamento di locomotive a vapore e fu decisiva per lo sviluppo economico del territorio basato sulla lavorazione e il commercio di sughero, principalmente impiegato per l’imbottigliamento.

escursione mountain bike
Il periodo migliore è la primavera quanto tutta la campagna e i boschi sono in fiore.

Grazie ad un progetto di riqualificazione e valorizzazione di una quindicina di anni fa, oggi la strada è ideale per passeggiate, per chi ama correre e per chi fa escursioni in mountain bike. E’ anche dotata di attrezzi fissi da ginnastica e il tratto dalla Cantoniera n° 16 alla n°15 è illuminato di notte. Devo dire che è piuttosto frequentata tutto l’anno. Numerose persone ci corrono ogni giorno ed è diventata quasi un nuovo spazio di incontro, una piazza rurale a discapito delle piazze dei paesi. Ben venga, nonostante questo, un interesse generale per lo sport, l’aria aperta e la natura.

Ho fatto la mia escursione grazie a Mema Bike Tours di Pierluigi Merlin, un giovane trentino che da alcuni anni propone escursioni in e-bike, ovvero mountain bike elettriche.

mema bike
Pier Merlin

Siamo partiti verso le ore 9 da Olbia e verso le ore 9.45 dall’inizio della strada tra Telti e Monti. Il percorso ha una lunghezza di circa 20 km (complessivamente più di 40 km) e permette di gustare il bel paesaggio dei colli granitici alle pendici del Monte Limbara.

È considerato facile e in effetti è una strada piuttosto pianeggiante. I pendii si trovano per lo più all’inizio da Monti e al ritorno, da Calangianus. Si tratta di lieve pendenze che per i più allenati son affrontabili senza difficoltà mentre chi non usa la mountain bike sentirà l’esigenza di affidarsi all’ “aiutino” della bici. La mountain bike elettrica permette infatti di aiutare chi è meno avvezzo o non pedala frequentemente. Non si evita di pedalare ma ammetto che si fa meno fatica.

E’ stata un’esperienza molto entusiasmante non solo perché sono riuscito a concludere il percorso, cosa che non avrei pensato, ma anche perché mi sono venute in mente le gite che facevamo con i miei compagni di avventura quando ero piccolo. Queste strade erano i nostri spazi di svago e sapere che oggi sono itinerari turistici per appassionati mi fa davvero piacere.

Abbiamo iniziato l’escursione all’inizio della strada a circa 10 minuti in auto dall’uscita di Olbia. Abbiamo lasciato il furgone a circa 1 km dalla SP 147 che collega il paese di Telti con quello di Monti (vedi mappa) e abbiamo iniziato la nostra escursione con pedalata decisa e affrontando il percorso pianeggiante. L’aiuto della mountain bike elettrica è stato fondamentale per poter spostare lo sguardo dalla fatica all’ammirazione del panorama.

Ho potuto così affrontare la fatica della pedalata chiacchierando insieme a Pier e agli altri miei compagni di viaggio e ammirando il bellissimo paesaggio di questa strada.

mbk tra le rocce
Una delle cavità tra le rocce tra le quali passa la strada.

Perché la strada dell’ex ferrovia è così affascinante?

Perché completamente integrata con il paesaggio dei Monti del Limbara. La strada si trova oggi immersa nella natura boschiva fatta di sugherete, scorci rocciosi, grandi tafoni. Si alternano ampie vedute, tra cui anche quella su Tavolara, e tratti coperti dalle sughere. Inevitabile lasciarsi sorprendere quando la strada continua come una grossa spaccatura tra le roccia. Conviene soffermarsi sulle fatiche di coloro che più di un secolo fa hanno costruito questa ferrovia. Per chi ha voglia di ammirare l’ingegneria dell’epoca soffermatevi ad ammirare la precisione nella costruzione dei piccoli ponti.

In vicinanza del paese è possibile ammirare le vette del Limbara tra cui si fa notare Monti di La Madonna per la sua particolare forma che ricorda una Madonna con il Bambino.

vecchia cantoniera

Le vecchie case cantoniere, alcune ristrutturate ma in disuso, altre completamente abbondonate testimoniano un pezzo di vita che non c’è più. Quella dei cantonerai che un tempo vivevano qui tutto l’anno, isolati e lontani dal paese e che avevano il compito di provvedere alla manutenzione della ferrovia.

La strada sterrata è piuttosto ben mantenuta anche se in alcuni tratti sono presenti delle buche. Come precauzione di sicurezza si tenga presente l’intersezione con le strada asfaltate quali la SP138 in direzione Berchidda e la strada SS 127 Calangianus – Telti (due intersezioni invicinanza della cantoniera 13 e 15 vicino a curve). Lungo la strada sono presenti dei pannelli didascalici che evidenziano le case cantoniere e le stazioni.

Ulterio info, domande? Scrivimi a info@unsardoingiro.it!

Ho avuto la fortuna di fare questa escursione nel periodo migliore: quando la primavera si fa rigogliosa con tante piante in fiore come la lavanda selvatica e la ginestra. Un sole non troppo caldo e un bel vento leggero hanno accompagnato il mio gruppo in questo viaggio tra i graniti di Calangianus.

ponticello

E’ proprio questo ciò che apprezzo delle attività outdoor: fare movimento, svuotare la testa e ammirare la natura e il paesaggio della mia terra.

Quelle proposte da Mema Bike sono solo escursioni guidate con gruppi di massimo 8 persone. Ideale per famiglie o gruppi di amici.
In totale sono 4 ore tra spostamento in auto e percorso in bici a meno che non si decida di fermarsi a Calangianus per una pausa ristoro.

L’escursione comprende la guida, l’e-bike, casco e assicurazione RC. Extra bottiglietta d’acqua, transfer, mangiare e bere. Pier sarà disponibile a farvi compagnia e farvi scoprire questo angolo di Gallura poco conosciuto.

L’escursione è adatta a tutte le stagioni anche se in primavera è possibile godere della natura verdeggiante e in fiore.

Ulteriori info sul sito www.memabiketours.com dove potete trovare ulteriori escursioni in mbk elettrica proposte da Pier nel nord Sardegna.

Approfondisci: Cosa vedere a Calangianus

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l'attività di blogger con "Un sardo a Parigi" e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell'Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola, il suo paesaggio, la sua storia e le sue tradizioni. Oltre alle diverse esperienze da vivere, in tutte le stagioni.

Leave a Comment