trenino verde sardegna

 

Molti non lo sanno ma in Sardegna c’è un piccolo treno, il Trenino Verde, che consente di muoversi da una zona all’altra dell’isola e scoprire il suo paesaggio. L’azienda regione per i trasporti, l’ARTS offre, infatti, questo servizio che permette di conoscere la Sardegna in modo insolito, come se la si visitasse una cinquantina di anni fa o più.

In Sardegna, infatti, le ferrovie non sono cambiate molto dal dopoguerra e non c’è una rete ferroviaria moderna. Potremmo dire che è come se in Sardegna ci sia un unico binario che si muove in tutta l’isola costituito da una linea ordinaria, utilizzata anche in inverno e una linea a scartamento ridotto, quella del trenino verde, appunto, che oggi viene utilizzato durante la stagione estiva per il turismo.

Anche lo scrittore D.H. Lawrence quando visitò la Sardegna negli anni venti del secolo scorso rimase colpito da questa tratta ferroviaria. Raccontò il suo viaggio per Mandas nel suo libro Mare e Sardegna descrivendo come il paesaggio che osserva li ricordasse l’Inghilterra e le regioni brulle della Cornovaglia o le alture del Derbyshire.

Il trenino verde è infatti un’occasione per scoprire il territorio e il bellissimo paesaggio della Sardegna, un modo differente di muoversi e di visitare l’isola. Ponti, gallerie, percorsi sul mare o lunghi i mare: il paesaggio sardo da scoprire è differente da chilometro a chilometro e lo spettacolo è assicurato in ogni tratta del trenino verde!

Mi ricordo quanto ero più piccolo che capitava di andare al mare a Palau in treno. Un viaggio un po’ lungo – mi ricordo 1 ora e 45 minuti da Calangianus! – e su un trenino d’epoca, ma molto affascinante  perché viaggiavamo in mezzo al verde della Gallura, le sue colline e costeggiando il Lago del Liscia.

Sono ben 600 i km che possono essere percorsi con la rete ferroviaria in tutta la Sardegna.

Le tratte percorse dal trenino verde sono:

– Sassari – Tempio – Palau (151 km)

– Macomer – Bosa (46 km)

– Isili – Sorgono (83 km)

– Mandas – Arbatax (159 km)

Ogni tratta ha la sua caratteristica a seconda della geografia del territorio che si percorre. Anche il calendario è differente per ogni linea e nel periodo estivo l’offerta turistica è incrementata nel periodo che va da metà a giugno ad inizio settembre. È anche possibile noleggiare un treno scegliendo orario, percorso e soste; chiaramente il prezzo varia a seconda del viaggio.

I bambini fino ai 4 anni non pagano mentre sono previsti sconti per i gruppi di almeno 15 persone!

 

 

Per esempio, per la tratta Sassari – Palau, che passa per Tempio Pausania, è previsto il viaggio tutti i giovedì dal 13 giugno al 9 settembre 2017 con partenze da Sassari alle ore 08.45 e da Tempio Pausania alle ore 11.30, ritorno da Palau Marina alle ore 15.30 e 17.08 da Tempio Pausania.

Il Trenino passa per il territorio dell’Anglona e della Gallura fermandosi anche nelle stazioni di Nulvi e Perfugas e passando per Luras, Calangianus, Sant’Antonio di Gallura e Arzachena, in un viaggio in mezzo alla natura che non dimenticherete.

Sono organizzate anche visite a laboratori artigianali e siti archeologici, e soste presso strutture ricettive in collaborazione con le realtà locali che offrono servizi di accoglienza turistica e conoscenza delle tradizioni locali.

Se vieni in Sardegna penso che sia un’occasione da non perdere!

Potete trovare ulteriori informazioni sul sito www.treninoverde.com dove sarà presto attivo il servizio di prenotazione online. Il Trenino verde è anche su Facebook.

(Immagine di sfondo: fonte sito del Trenino Verde)

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l’attività di blogger con “Un sardo a Parigi” e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell’Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment