St. Gerge Mews

Sapevate che Brighton è famosa anche per la sua street art? Diversi, colorati, dirompenti, satirici, e sparsi per le vie più centrali i graffiti di Brighton sono famosi in tutta l’Inghilterra, molto apprezzati dagli abitanti e dai visitatori della cittadina.

Regent Street
Perché mi piace la street art? Perché originale, allegra, provocante e talvolta misteriosa. Te la ritrovi casualmente per strada offrendoti la possibilità di gustarla nella quotidianità. Spesso non si ha un buon giudizio su questo tipo d’arte ma a mio parere andrebbe rivalutata anche solo per la capacità di rendere più vivaci ed accoglienti le città in cui viviamo. Non approvo però quando i graffitisti si esprimono senza permesso o quando i writer rovinano le facciate delle case con la propria firma.
Il fatto di essere all’aria aperta amplifica oggi il concetto di museo come spazio dedicato alla conservazione e fruizione dell’arte e pone perl un interrogativo sulla conservazione di questo genere di creazioni artistiche.Dove si trovano i graffiti a Brighton? Principalmente nelle vie della zona North Laine, il popolare e vivace quartiere tra la stazione di Brighton e il Royal Pavillon: Regent Street, Trafalgar Lane, Frederick Place sono alcune delle strade dove è possibile ammirare veri e propri capolavori di quella che un genere d’arte contemporanea.

Diversi i soggetti rappresentati: esseri umani o umanoidi, personaggi dal mondo fantastico o robot che spesso rappresentano in modo allegorico la società di oggi denunciando guerre, ingiustizie e altri problemi politici e sociali. Con il suo linguaggio immediato e nel suo essere così vicino alla gente comune, attraverso la sua presenza in strada, la street art è ben amata da tante persone.

Brighton è una città aperta un po’ a tutto, soprattutto alle nuove tendenze e all’arte, accoglie gli street artist non considerandoli dei vandali, e numerose sono le piccole gallerie dove è possibile comprare dipinti, stampe e sculture di artisti contemporanei.

Di seguito alcune foto molte delle quali scattate a Trafalgar Lane. Fa un po’ strano pensare al fatto che le persone abitano tra queste mura così colorate. Ma l’arte dei graffiti è in realtà più comune di quanto pensiamo. In effetti anche nella mia Sardegna ci sono diversi paesi che in passato – e ancora oggi – hanno ospitato diversi artisti in modo anche un po’ avanguardistico rispetto ad altre zone d’Italia (primo fra tutti il paese di Orgosolo).
La street art è un genere di opere urbane sempre più diffuse e apprezzate tanto da coinvolgere anche le istituzioni. Anche Roma si è aperta a questo genere di arte con iniziative di coinvolgimento di giovani artisti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Consiglio di fare un salto lungo la via Frederick Place. Qui un intero palazzo è decorato con il ricordo di alcuni protagonisti della musica internazionale del secolo scorso come Elvis, Beatles, Freddie Mercury. E’ qui che è raffigurata una delle immagini più celebri di Banksy, il bacio tra due poliziotti, forse l’unica a Brighton.
Banksy è noto per i suoi graffiti semplici ma incisivi che realizza con pochi colori mediante la tecnica dello stencil, così da ottenere disegni dettagliati in poco tempo (e non farsi trovare). Le sue opere sono caratterizzate da forti messaggi satirici e di denuncia: riesce con poco a richiamare alle ingiustizie sociali dei giorni nostri, condannando le guerre e il capitalismo. Celebri le opere sul muro di confine Israele-Palestina.
Chi è Banksy? Non si sa. Ancora non si conosce il suo vero nome e dov’è nato, è cresciuto a Bristol ma non sia molto altro. Alcuni suppongono sia una donna, altri che il suo nome venga utilizzato da una serie di artisti che condividono lo stile e il tipo di arte.
Nonostante il suo anonimato è apprezzato da un vasto pubblico in tutto il mondo che è disposto anche a comprare le sue opere. Nel 2008 una sua opera è stata venduta a più di un milione di pound!
Vi consiglio di fare un giro su internet per vedere un po’ delle sue creazioni.
A fine agosto Banksy ha aperto una nuova esposizione. Si chiama “Dismaland Bemusement Park“, una sorta di parco divertimenti in stile dark (dism= tetro) che prende in giro il famoso parco di divertimenti Disneyland. Il parco, non adatto a a bambini, sarà aperto fino al 27 settembre a Weston-super-mare in Inghilterra. E’ costituito da 18 particolari attrazioni e non poteva mancare un castello della fiabe…diroccato. Anche il personale si mostra triste e poco accogliente. Non mancheranno eventi e concerti. Oltre alle opere di Banksy sono presenti opere di altri artisti suoi amici.
Sito web con il trailer: www.dismaland.co.uk.

Approfondimenti
– Ulteriori informazioni sul sito di Visit Brighton: http://www.visitbrighton.com/arts-in-the-city/brighton-graffiti-art
– Pagina Facebook ricca di immagini: https://www.facebook.com/pages/Brighton-Street-Art/181559521933939
– 30 foto delle opere di Banksy su Il Post: http://www.ilpost.it/2013/10/10/banksy/
– Apre Dismaland, il tetro parco dei divertimenti di Banksy: http://www.focus.it/cultura/arte/apre-dismaland-il-parco-dei-divertimenti-di-banksy

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l'attività di blogger con "Un sardo a Parigi" e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell'Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment