Ho scoperto questa Trattoria di cucina tipica romana durante il mio rientro nella capitale durante alcuni giorni con dei miei amici. Lo Scopettaro si trova nel quartiere di Testaccio a circa 500 metri dalla Metro Piramide. Consiglio di prendere un autobus se non si vuole avere il fiatone.

Io e i miei amici siamo stati accolti da un giovane cameriere e abbiamo mangiato all’esterno visto le temperature calde di quei giorni. Fortunatamente, considerato che eravamo in ritardo di più di mezzora, il tavolo che avevamo prenotato era ancora libero.
Abbiamo preso ciascuno un primo differente visto che qui sono famosi per i piatti di pasta. Io ho voluto provare una gricia, molto buona anche se un po’ troppo “unta” per i miei gusti. I miei amici hanno preso una cacio e pepe, una carbonara e delle tagliatelle con aglio, peperoncino e cicoria. Prima del primo però abbiamo ordinato un antipasto misto piuttosto ricco da condividere. Si trattava di diversi assaggi molto insoliti, non la solita frittura o i crostini che ti presentano normalmente nelle trattorie romane ma diversi piatti con trippa alla romana, melanzane, fagioli al coccio, interiora (penso anche nervetti di vitella) e i friggitelli per la prima volta mangiati fritti, senza pastella, che ho digerito senza problemi.
Visto l’ampia scelta dei dolci fatti in casa ho voluto provare una mela cotta con riduzione di vino rosso: davvero ottima! Anche gli altri dolci proposti, come la crostata di mele cotogne, mi sembravano molto invitanti solo a sentirli nominare dal cameriere!
I prezzi sono nella media delle trattorie romane.

Ristorante Lo Scopettaro
Lungotevere Testaccio 7
00153 Roma
Sito web: www.loscopettaro.it
Facebook: www.facebook.com/groups/32094633852

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l'attività di blogger con "Un sardo a Parigi" e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell'Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment