Con queste foto potrei anche non scrivere molto…. Cala Brandinchi è considerata una delle spiagge più belle della Sardegna e più ricercate dai turisti in vacanza nell’isola. Viene chiamata anche Tahiti e questo già suggerisce la sua bellezza.
La spiaggia di Cala Brandinchi si trova vicino a San Teodoro una volta superato il promontorio di capo Coda Cavallo. Ha un profilo piuttosto arcuato e sembra riparato dai venti. L’acqua è pulitissima e di un color azzurro chiaro invidiabile. Caratteristica il fondale che rimane molto basso per diversi metri creando una sorta di grande piscina naturale.
La spiaggia è piuttosto lunga ma un po’ stretta, conseguentemente è piuttosto affollata; la sabbia è fine e bianca. Sul versante nord si vede il fianco dell’isola di Tavolara che spunta da dietro il promontorio di Capo Coda Cavallo mentre su quello sud un’accogliente pineta è ideale per chi non ama stare sotto l’ombrellone.

 

Cercando su internet scopro che da questa spiaggia Giuseppe Garibaldi, in fuga da Caprera, si imbarcò per raggiungere Piombino e liberare Roma.
Come si raggiunge la spiaggia?
 
Cala Brandinchi è facilmente raggiungibile da Olbia dalla strada SS125 in direzione Siniscola. Occorre arrivare fino a Capo Coda Cavallo svoltando a sinistra. Successivamente basterà seguire le indicazioni proseguendo su una strada bianca per circa un chilometro. Qui si troverà l’accesso al parcheggio.

Unico difetto il costo del parcheggio: ben 15€ per tutta la giornata. Magari per una giornata su 15 di vacanze si può fare, non pensate? In alta stagione una lunga fila all’uscita per il pagamento del parcheggio rallenta molto l’uscita: io e il mio amico siamo rimasti in macchina per ben 50 minuti!

 

Nella spiaggia sono presenti due bar di cui con un bel prato che si distende verso la spiaggia provvisto di lettini e ombrelloni: ideale per chi non ama l’affollamento delle spiagge (www.calabrandinchi.it).

Guarda la mappa completa delle spiagge del nord Sardegna di Un sardo in giro!

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l’attività di blogger con “Un sardo a Parigi” e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell’Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment