Sono tornato a Lucca durante la pausa natalizia. Lucca è una delle mie città preferite ed è sempre piacevole fare una passeggiata tra i suoi vicoli e le sue piccole piazze.

Questa volta ho notato la presenza di numerose chiese oltre alle più note (Duomo di San Martino, Chiesa di San Michele in Foro, Basilica di San Frediano), piccole ma molto carine anche se viste solo dall’esterno. Cercando su internet scopro, infatti, che è chiamata la “città delle cento chiese“. Scopro quindi che me ne sono perso diverse…
Chissà quanta storia racchiude ognuna di queste chiese! Se si riflette un attimo è chiaro che la numerosità di queste chiese e la diversa età testimonia una fede quotidiana e diffusa in passato nella piccola città lucchese. Molti di questi edifici hanno origine nell’alto medioevo, e si sono sviluppate nei secoli così come dimostrato dalle sovrapposizioni di stili architettonici differenti, molto spesso appartenenti al romanico e leggermente al gotico senza perdere il gusto “toscano” della bicromia bianco-verde dei dettagli di certe facciate.
Vi lascio alcune foto.
Duomo di San Martino XI sec.
(qui si trova la celebre statua di Ilaria del Carretto realizzata da Jacopo della Quercia)

 

Dettaglio della copia della statua di San Martino sulla facciata del Duomo

 

Duomo di San Martino, interno, navata centrale

 

Dettaglio della statua originale di San Martino nella controfacciata del Duomo

 

San Michele in Foro XI sec.

 

San Michele in Foro, interno

 

Basilica di San Frediano XII sec.

 

San Frediano, interno (forse il più affascinante)

 

San Frediano, interno visto dall’altare

 

San Frediano, interno: un’antica fontana

 

San Frediano, interno
Santi Giovanni e Reparata: al suo interno si trova un’importante area archeologica

 

San Francesco

 

San Pietro Somaldi

 

Chiesa di San Micheletto

 

Chiesa di San Benedetto in Gottella

 

Santa Maria Forisportam

 

San Giusto

 

San Giusto (in fondo la statua della Madonna di Lourdes)

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l'attività di blogger con "Un sardo a Parigi" e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell'Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment