A Napoli non lontano dal Duomo, su Piazza San Gaetano (dove si trova l’ingresso alla Napoli sotterranea) e all’ingresso del corso di  San Gregorio Armeno con i famosi mercatini dei presepi, si trova la Chiesa di San Lorenzo Maggiore.

La Chiesa potrebbe essere scambiata per “una delle tante chiese di Napoli”ma in realtà è architettonicamente differente dalle altre. Essa si distingue per una facciata dal coloro arancio piuttosto acceso. La facciata è del 1770 eccetto il portale che è più antica in quanto in stile gotico.

 

La chiesa risale al XIII secolo e la struttura conserva ancora i caratteri gotici. Diversi interventi si sono succeduti nei secoli a più riprese anche sul campanile.
L’interno è però molto più sobrio. Un’ampia e luminosa navata punta il visitatore all’altare centrale (opera di Giovanni di Nola), anch’esso ben illuminato e reso affascinante da un bellissimo coro con deambulatorio. La copertura è a capriate e non a volte a crociera come nel gotico tradizionale.
Sui lati si aprono diverse cappelle, in una di queste si trova un tipico presepe napoletano.

 

Poche le opere d’arte e le decorazioni pittoriche presenti ma la chiesa si distingue propio per la sua semplicità che la rende molto accogliente.
Dalla Basilica è possibile accedere all’area archeologica greca dell’antica Neapolis. Qui infatti si trovava l’antica agorà della città.
Consiglio il sito internet stranamente bello e aggiornato per una chiesa: www.sanlorenzomaggiorenapoli.it
Nelle vicine piccoli negozi offrono souvenir della città: cornetti di ogni tipo, tamburelli e statue di pulcinella.

 

 

 

 

Se vuoi sapere cosa facevo un anno fa a Parigi clicca qui.

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l’attività di blogger con “Un sardo a Parigi” e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell’Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment