Roma è una città in cui è proprio bello camminare, quindi è ideale per uno come me che adora gironzolare alla scoperta di monumenti e scorci paesaggistici, nonchè negozi particolari e curiosità.
Durante i miei week-end utilizzo il mio tempo libero per visitare un museo o un monumento importante o semplicemente per farmi un giro nelle zone più storicamente interessanti della capitale.
Inoltre Roma è una città decisamente più soleggiata di Parigi…, per cui non si può star chiusi in casa e non godersi questa bella città!

L’altra settimana ho fatto proprio un bel tour, partendo da Piazza della Repubblica (ero arrivato con l’autobus alla stazione di Temini che si trova lì vicino) mi sono diretto verso Piazza Venezia per poi proseguire costeggiando i Fori verso il Circo Massimo. Qui di seguito un piccolo report fotografico.
In Piazza della Repubblica, caratterizzata da un elegante porticato semicircolare si trova la Chiesa di Santa Maria degli Angeli e l’affasciante Fontana delle Naidi che, cercando su internet, scopro essere realizzata nel 1901 dal palermitano Mario Rutelli, bisnonno dell’ex sindaco di Roma.  Già da lì si intravvede l’Altare della Patria.

 

Percorrendo Via Nazionale dove si trova il Palazzo delle Esposizioni si arriva alla Torre delle Milizie e quindi ai Mercati Traianei.

Ho quindi proseguito verso la Colonna Traiana che si ritrova davanti ad un’ampia scalinata.

 

 

 

La colonna si trova nei fori di Traiano e qua la vista dell’Altare della Patria è a mio parere molto bella.

 

Apro una breve parentesi sul Vittoriano, il Monumento Nazionale a Vittorio Emanuele II.
Devo dire che l’opera ha tutto un suo fascino. Sebbene sia stata costruita su antichi resti romani producendo un notevole rottura nell’aspetto urbano e nonostante la sua particolare forma e le grandi dimensioni (motivo per il quale molti lo definiscono una torta nuziale o una macchina da scrivere) devo dire che il monumento è bello da ammirare, sia di giorno che di notte quando viene illuminato dalle luci artificiali.

 

Proprio accanto all’Altare della Patria, vicino alla scalinata della Chiesa di Santa Maria in Ara Coeli, si trovano i resti di un’antica abitazione romana, successivamente trasformata in chiesa cristiana.

Questo è un affresco facente parte dell’antica chiesa paleocristiana.

 

 

Proprio a fianco all’Altare della Patria si trova la Chiesa di Santa Maria in Ara Coeli, una delle più importanti di Roma, ma nella quale non ho ancora potuto entrare dentro.

 

Un’altra scalinata porta alla famosa Piazza del Campidoglio realizzata su progetto di Michelangelo.
La piazza è molto affascinate. Qui si trova Palazzo Nuovo e Palazzo dei Conservatori che ospitano i Musei Capitolini dove attualmente è aperta una mostra su documenti dell’Archivio Vaticano.
Tra i due Palazzi il Palazzo Senatorio, sede di rappresentanza del Comune di Roma.

 

 

 

Al centro della Piazza si trova una copia della Statua di Marco Aurelio in bronzo dorato originaria al II sec. d.C. che qui era stata collocata sempre da Michelangelo.

Il Campidoglio dà le spalle ai fori romani: costeggiando Palazzo Senatorio sulla destra sono giunto su una strada che si affaccia sulle antiche rovine che spettacolo!
Qui sotto potete trovare alcune foto. In lontananza si intravvede il Colosseo.

 

 

 

Continuando a costeggiare i fori proseguendo su via di San Teodoro sono arrivato al Circo Massimo.

 

Devo dire che qui sono rimasto un po’ deluso sia perché non è rimasto pressoché nulla sia perché la zona non è valorizzata. Mancano panchine, zone di ristoro, sentieri pedonali e ciclabili. Nonostante questo ho visto che c’è chi ama venirci a correre.

Qui di seguito invece le foto che appartengono ai resti dei fori romani che si affacciano sul Circo Massimo (su via dei Cerchi).

 

 

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l’attività di blogger con “Un sardo a Parigi” e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell’Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment