Il Duomo é forse il più famoso ed importante monumento di Milano. Sebbene si arricchito da numerose guglie e altri elementi tipici dell’architettura in stile gotico in realtà é una chiesa non completamente gotica (come del resto tutte le chiese italiane) ma presenta caratteri architettonici misti quali quelli caratteristici del Rinascimento.
Sebbene la costruzione iniziò nel XIV secolo l’opera del Duomo di Milano ebbe termine solo nel 1813 con la costruzione della facciata, motivo per il quale la Chiesa é ricca di decorazioni ed elementi caratteristici di diversi  stile ed epoche.

Nonostante questo, il Duomo ha tutto un suo fascino reso manifesto anche dalla grande piazza che si apre davanti e che permette di ammirarne tutta la grandezza e bellezza.
L’interno della chiesa é molto bello e vale la pena visitarlo. Le colonne che disegnano le cinque navate descrivono ampi e alti spazi. Particolari i capitelli e le volte decorate.
A novembre e dicembre viene esposta una serie di dipinti denominati “Quadroni di San Carlo” e che raffigurano scene della vita di San Carlo Borromeo. Furono realizzati da diversi artisti quali Cerano, Procaccini e Morazzone ad inizio del 1600 subito dopo la morte di San Carlo.
All’interno si notano anche i ricchi pavimenti marmorei nonché l’ampio altare con due grandi organi ai lati. Belle anche le ampie vetrate colorate nelle pareti laterali.
Suggerisco la visita ai corridoi a cielo aperto situati sul tetto del duomo dai quali é possibile ammirare tutta Milano.

 

 

 Particolare della facciata
 Particolare del portone centrale

 

 

 

 

 

 

About the author

Daniele

Nato in Sardegna, ho vissuto a Firenze, Parigi, dove ho iniziato l’attività di blogger con “Un sardo a Parigi” e poi a Roma.
Dopo anni qua e là alla scoperta dell’Italia e di qualche località fuori dal bel paese, ho deciso di tornare in Sardegna per valorizzare e far conoscere la mia bellissima isola.

Leave a Comment